Home

COMUNICATO

Un corso prematrimoniale, gratuito e libero nella frequentazione, anche per chi sceglie di non sposarsi in chiesa, ma preferisce la convivenza o il matrimonio laico. Si tratta di cinque incontri, a partire dalla primavera 2018  che aiuteranno la futura coppia,  ad affrontare meglio la vita a due, dando risposte concrete.

A partire dagli anni ’80, sempre meno persone si sposano in Chiesa, tant’è che i matrimoni civili hanno numericamente superato abbondantemente quelli religiosi e sempre meno persone si sposano per lasciar posto alle convivenze. La nostra società assume sempre più i contorni di una collettività secolarizzata, multiculturale e multi religiosa.

Secondo gli ultimi dati Istat, la diminuzione dei matrimoni in Italia è in atto da oltre 40 anni, e la sua accelerazione negli anni più recenti è dovuta al cambiamento della composizione della popolazione per età. Nel 2015 i giovani di cittadinanza italiana tra i 16 e i 34 anni erano circa 10 milioni e 500 mila, oltre un milione e 500 mila in meno rispetto al 2008. L’età delle persone che si sposano è cresciuta: in media gli sposi hanno 35 anni. Mentre la durata media delle unioni, in caso di separazione, è di 17 anni.

Ad esempio nella nostra città di Milano, secondo le statistiche dell’Anagrafe, i matrimoni sono in continuo calo. Quelli civili sono passati dai 2097 del 2016 ai 2053 del 2017, mentre quelli religiosi sono scesi nello stesso biennio da 863 a 552. In crescita, invece, unioni civili e convivenze di fatto.

L’intento è di proporre un momento di riflessione alle coppie che oggi scelgono il matrimonio civile come vincolo per la loro unione, o coppie che si affacciano nuovamente al matrimonio dopo esperienze precedentemente avute e venute meno.

Ci si rivolge anche a coloro che stanno iniziando un’esperienza di convivenza, ritenendo sia necessario estendere a chi intende unirsi anche se non in matrimonio il valore della coppia attinta non solo dall’amore e dalla attrazione reciproca, ma soprattutto da un impegno vicendevole, costruito su un progetto di vita. I momenti di difficoltà e di eventuale crisi  potranno così non segnare la fine irrevocabile della relazione, , ma rappresenteranno un passaggio attraverso il quale il rapporto avrà l’occasione di maturare e rilanciarsi.

La coppia, infatti, pur essendo da un lato un ambito privilegiato di realizzazione e protezione del singolo, porta in sé anche diverse componenti; si arriva al matrimonio con la convinzione che ad esso debba seguire idealisticamente grande felicità e spesso senza la consapevolezza dei doveri reciproci che il vincolo matrimoniale comporta anche a livello giuridico.

Su questa linea di riflessione abbiamo elaborato come Centro Famiglia ti Ascolto,  il corso pre-matrimoniale per coloro che si sposano civilmente.

Il programma che seguiremo, almeno all’inizio, verterà su:

-          comunicazione come fondamento della vita di coppia: emozioni, conflitti, aspettative, quanto conta saper comunicare in una relazione a due per una serena convivenza;

-          la coppia e gli altri: famiglie di origine, figli e famiglie allargate, non solo due compagni di vita, ma anche familiari e parenti: le coppie di oggi estese e condivise;

-          il contratto matrimoniale: da individui a coniugi. I regimi patrimoniali per le coppie coniugate e conviventi. Il matrimonio come contratto: riflessioni sugli articoli del codice civile;

-          dall’individualismo alla collaborazione reciproca. La negoziazione. Sviluppo del tema dell’amore in coppia: saper scendere a compromessi ed andare incontro alle esigenze altrui.

-          Cerimonie laiche: il matrimonio laico umanista, il benvenuto in società, senso dell’accoglienza.

Per svolgere questi incontri, cercheremo di creare una dinamica di condivisione con le coppie partecipanti. Non saranno delle lezioni, quanto un vero e proprio cammino da percorrere insieme ed i relatori dei veri compagni di viaggio.

Saranno presenti figure quali: psicologo, coppia guida, avvocato matrimonialista, consulente familiare e l’ufficiale di stato civile.